Grazie al contributo dei nostri amici sostenitori

Grazie al contributo dei nostri amici sostenitori

sabato 10 marzo 2018

Campionato Italiano a Squadre - 1° Turno

Un momento di massima concentrazione dell'incontro con Bergamo
Con il gelo che cala sull’Italia come un implacabile Gran Maestro russo, non c’è niente di meglio di una bella partita a scacchi. Così, domenica 25 febbraio, l’arrivo del freddo è conciso con l’esordio in Serie C della squadra di Crema che l’anno scorso aveva conquistato la promozione nella serie superiore. A mettere alla prova i cremaschi c’erano i bergamaschi dell’Excelsior Drink Team.

Crema si è presentata con il forte quartetto composto da il Maestro Ventura, Righini, Masotti ed Esposito. Il capitano Esposito, dopo meno di un’ora di gioco, conquistava la qualità contro Fabio Asperti in 4° scacchiera e poco dopo il bergamasco abbandonava, 1-0 per Crema. Nel frattempo, in 1° scacchiera, Ventura aveva imbastito un attacco molto promettente contro l’avversario Tarelli. Purtroppo il maestro non trovava il colpo del KO e il bergamasco riusciva prima a difendersi e, infine, a passare al contrattacco e vincere, portando il punteggio sull’1-1. Il destino dell’incontro era dunque affidato alle scacchiere centrali. In terza Masotti, che fin dalle prime battute aveva imbastito un forte centro, passava all’attacco guadagnando un pezzo all’avversario. Mentre in seconda, Righini riusciva a sbloccare a proprio vantaggio una “francese” chiusa e a crearsi un pedone passato. Entrambi gli alfieri cremaschi riuscivano a chiudere con la vittoria le rispettive partite, portando il punteggio sul definitivo 3-1 per Crema.

Un esordio davvero brillante per i cremaschi, per nulla intimoriti dal passaggio dal passaggio alla serie superiore. Il prossimo impegno sarà tra i vigneti di Franciacorta domenica 11 marzo, quando i cremaschi affronteranno la formazione locale. Ancora una volta, la danza dei pezzi sulle 64 case deciderà le sorti dell’incontro, sperando che il vento dell’est continui a gonfiare le vele alle nostre speranze.

Ringraziamo il capitano Giuseppe Esposito per il brillante risultato così come per il reportage

Archivio blog